martedì 27 gennaio 2009

"Se questo è un uomo" Primo Levi.

« Voi che vivete sicuri
Nelle vostre tiepide case,
voi che trovate tornando a sera
Il cibo caldo e visi amici:
Considerate se questo è un uomo
Che lavora nel fango
Che non conosce pace
Che lotta per mezzo pane
Che muore per un sì o per un no.
Considerate se questa è una donna,
Senza capelli e senza nome
Senza più forza di ricordare
Vuoti gli occhi e freddo il grembo
Come una rana d'inverno.
Meditate che questo è stato:
Vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
Stando in casa andando per via,
Coricandovi alzandovi;
Ripetetele ai vostri figli.
O vi si sfaccia la casa,
La malattia vi impedisca,
I vostri nati torcano il viso da voi. »

16 commenti:

Marina ha detto...

Bellissima questa poesia, l'ha studiata mio figlio questo fine settimana!
un abbraccio
Marina

Silvia ha detto...

A me piace tanto Primo Levi... mi fa venire i brividi, ma è giusto così, perchè io voglio sapere che cosa è successo... ne ho letti un po' dei suoi libri, ma qualcuno ancora mi manca... adesso è anche uscito il film il bambino con il pigiama a righe e voglio vederlo, anche se deve essere tristissimo...ma è storia, e si deve capire per non farla mai più risuccedere.
ciao
bacio
silvia

Francip ha detto...

nessuna parola... solo grazie per avercelo ricordato....
Un abbraccio,
Francy

Simo ha detto...

Non c'è nulla da dire...si commenta da sè.
Un bacione

Pam ha detto...

Grazie Mariarita, ogni volta che rileggo questa poesia i brividi corrono lungo la schiena!
Un abbraccio Pam

PuntoCroce ha detto...

Una Poesia fantastica, imparata a memoria a scuola, ma solo più avanti compresa fino in fondo...
grazie!!

maria rosa

giovanna ha detto...

parole da ricordare, parole da mai scordare.

Hai cambiato il nome al tuo blog...personalizzandolo, mi piace!!!

e grazie della email, mi è servito leggere le tue parole.

buona continuazione di giornata

un abbraccio affettuoso
gio'

Paoletta ha detto...

bella bella bella !!!!

un bacio paoletta....

fatagatta ha detto...

Grazie per aver ricordato questa poesia...
son versi che mettono i brividi.
E l'importante è non dimenticare per far sì che non accadano più orrori simili.
un grande abbraccio
Elena

Vania e Paolo ha detto...

Non sono solo parole, sono emozioni. Vania

Antonella ha detto...

Ciao Cara Mariarita...passa dal mio blog, c'è un premio per te! baci

Elena ha detto...

Una splendida poesia.... per non dimenticare...
Baci Elena

teodo ha detto...

Parole da non dimenticare mai.Grazie.
ciao ciao

laura ha detto...

per questa giornata penso che sia ideale...nn la conoscevo ,nn conosco bene le poesie in genere,ma ci sei tu che me le fai leggere.....grazie

mi fa riflettere
baci laura

ILENIA ha detto...

NON DIMENTICARE MAI!!!
**********************

parlando della magrona... e del centro benessere...
volevo farti presente che quello di mio marito è un centro estetico non un centro miracoli!!!!!!!!
e io ne sono la prova vivente!!!!!!!! UFFA 'STI KG IN PIù CHE PALLE!

SAREBBE DA LANCIARE UNO SWAP... SI SI.... "SWAP TI REGALO QUALCHE KG"
sono sicura che nessuno aderirebbe!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

un bacione cara stellina!!!!!!!!

carmen ha detto...

Ricordare e pregare... solo questo possiamo fare per quella gente e raccontare ai nostri figli che la natura umana può arrivare a simili incocepibili oscenità.
Do' ripetizioni e ogni anno, di questi tempi, qualcuno dei miei ragazzi ha questa poesia da memorizzare o qualche brano sullo sterminio da leggere. Io dico sempre loro di figurarsi le scene, di trasformare le parole in immagini in modo che la mente possa conservarle più a lungo.
Grazie Mariarita per questa emozione.
...Hai cambiato il titolo del blog: Mariarita... bello! D'altra parte, per te non occorrono presentazioni sterili: tu sei Mariarita e basta.
Carmen